Decapitazione del santo Profeta e Precursore Giovanni il Battista

11 settembre / 29 agosto

Decapitazione del santo Profeta e Precursore Giovanni il Battista

Apostolo: Atti 13, 25–32.

Vangelo: Marco 6, 14–30.

Qualcuno già ai primi vespri della memoria della decapitazione del santo profeta e precursore del Signore Giovanni il Battista mi ha scritto “buona festa” e onestamente il mio sguardo è corso immediatamente a quelle icone dove si vede chiaramente la testa del santo Precursore dopo essere stata mozzata dal resto del corpo. La memoria della morte di san Giovanni Battista è difficilmente incasellabile nella categoria festa. La festa richiama naturalmente la gioia e la letizia di un momento importante e significativo mentre la decapitazione del santo profeta e precursore è un evento – per dirla con il metropolita Anthony di Sourozh – “maestoso e tragico” che giustamente la Chiesa celebra con solennità e con un digiuno stretto.

Eppure non mi sento offeso o disturbato dal “buona festa” di qualcuno perché questa memoria è pur sempre una celebrazione della vita, di una vita vera e piena vissuta nella fedeltà alla Legge di Dio e alla Sua Parola. La vita di Giovanni Battista come la vita dei santi martiri raggiunge la sua pienezza nella martyria, nella testimonianza fino all’effusione del sangue della Verità di Dio. In questo senso la loro morte è nascita al cielo, alla vera vita.

La narrazione della morte di Giovanni è fatta con grande abilità nel vangelo di Marco (Mc 6,14-29) che la liturgia ci propone. La ricchezza di particolari e la vivacità del racconto, assieme alla sua affinità con i precedenti racconti biblici, fanno capire che l’evangelista non intende fare un resoconto dei fatti, ma trasmetterne il messaggio funzionale a presentare l’identità del Cristo. La storia drammatica di Giovanni Battista, un uomo «giusto e santo», messo a morte per la sua libertà e la fedeltà al suo mandato, fa presagire la condanna ingiusta di Gesù che più tardi lo stesso evangelista racconterà.

Contemplare il sacrificio del Precursore significa cominciare ad entrare nella logica del sacrificio di Cristo. Questo racconto inserito da Marco all’interno del Vangelo corrisponde esattamente alla vocazione del profeta di “preparare la via del Signore” (cfr. Mc 1,1).

Il paradosso cristiano è celebrare in una morte la vita: il sacrificio di Giovanni Battista per la Verità prepara la via al Cristo, il sacrificio sulla Croce del Salvatore e la Sua Resurrezione ci aprono alla vita eterna, alla vita in Dio e per Dio. Il mondo con tutte le sue vanità e con la morte cerca di seppellire la potenza vitale del messaggio liberante di Giovanni e se anche con la morte del Battista sembreranno trionfare nella tomba vuota di Gesù troveranno la loro sconfitta. Noi oggi ricordiamo il sacrificio del Precursore ma in questo vediamo la preparazione al trionfo di Cristo e intimamente ne cominciamo a gioire.

Non così si può dire di Erode. Anche lui celebra una festa, quella del suo compleanno ma la celebra con i potenti e i cortigiani e il culmine di questa “festa” è la richiesta di Erodiade della testa di Giovanni. “Il re divenne triste” (Mc 6, 26) non solo per il desiderio espresso da Erodiade tramite la figlia ma perché probabilmente il re comprese che la celebrazione della sua nascita si era trasformata in una festa mortifera. Non moriva Giovanni Battista ma la sua anima e il suo cuore che smesso di ascoltare le parole di giustizia di Giovanni si asservivano alla volontà di potenza e sopraffazione di cuori bramosi di potere e ricchezza.

Non si tratta purtroppo di qualcosa confinato al tempo di Erode. Anche oggi purtroppo una certa logica mondana pensa di farci celebrare la vita mentre invece è solo un trionfo della morte.

Ci aiuti il santo profeta e precursore Giovanni il Battista a riconoscere la fonte della Vita e a rifuggire prontamente da tutto ciò che invece ci porta alla morte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...